Archivi tag: gratitudine

Luce.

Standard

Annunci

Tu sei il caldo sfiancante

Standard

Mentre saliamo la collina,

Il caldo è senza ombra.

È come crescere.

Io scopro di essere 

L’albero frondoso,

Io stessa il mio ristoro,

Io stessa, per chi cammina con me, rifugio.

Quindi, tu sei il caldo sfiancante

Al quale essere umilmente grata.

Piccole poesie preghiere dedicate alla gratitudine.

Standard

Piccole poesie preghierededicate alla gratitudine.

Adesso

Che dovrei star ferma,

Seria,

Senza respirare,

Sorrido e prendo fiato

Per cantare.

La gratitudine

Comincia prima

Del miracolo.

Puoi confondere il ringraziare

Con l’amore?

Sì, sono sul serio

La stessa 

persona.

Io prego, tu non mi rispondi, e io ti ringrazio?

Sono una folle artista, e tu

Sei fortunato

Che non mi piace restare triste 

Così a lungo.

Però come vuoi tu

In fondo, è bello.

Danzo, a mani tese,

Canto e cerco acqua fresca

Con le labbra.


(Grazie allo studio Ghibli per l’immagine, tratta dal film La città incantata)

Il fiore tra i capelli.

Standard

Amo, amo,grazie a te

che sbocci come il sole al mattino

dopo giornate di pioggia

e il respiro di sollievo
e che profumi 

come il fiore bianco

raccolto dal figlio per gioco,

per portarlo alla mamma, 

e lei sorride, in silenzio,

e mette il fiore tra i capelli.

Il respiro di sollievo.

Standard

(Sai che a correre tutti questi chilometrinon eravamo mai soli?)

Un via veloce ed in sordina

ed ora già chiudo il cassetto,

e mi porto via disegni sfumati

volti di persone amate,

per breve tempo.
Attimi di empatiche stanchezze,
e di entusiasmi sommessi,

annusando la consapevolezza

spesso assente,

nei visi temporanei 

altrettanto sfumati

distratti

dalle strane richieste

dai modi indispettiti, cortesi, neutrali.
Ma poi non erano tutti così,
ed era bello accarezzare nella memoria 

a breve termine, confidenze, risate, pianti, 

tutti, tutti li avrei abbracciati.
Vita, assolo di un coro con l’armonia dei bimbi,
Vieni a me, vieni ancora a me, e non mandatela via,

Perché è di essa, 

È di essa, il respiro di sollievo.
https://m.youtube.com/watch?v=KQqjcIue4tE

  

Un attimo d’amore gratuito.

Standard

Piccolo delicato giglio, ieri mattina
Hai seguito i miei passi come il silenzio benedetto
Di un luogo di preghiera, mite,
Rinfrescato dalla pioggia del mattino,
Verde, un rosario sgranato
Dolcemente e tu sai,
Di che ricordo estivo sto parlando.

La sera volevi concludere la tua giornata amandomi ancora,

Ma lacrime sono scese su quel dolce che non ti piaceva,
E non riuscivi a mangiarlo lo stesso, per me.
Se mi avessi detto che non ti piaceva non te l’avrei dato,
Non era un problema per me, eri tu,
Eri tu, che avevi deciso
Di volermi bene.

Figlietta, tu non sai,
A volte l’Amore mi arriva inaspettato,
E l’ho riconosciuto in quelle lacrime amare di sconfitta
Gratuita, non richiesta.

Siamo povere, e non possiamo regalarci il mondo,
Ma il mondo non ci interessa,
Quando io ho in dono queste umili lacrime,
E tu un bel dolce preferito
A sorpresa, già nel frigo.

(È poesia un momento di vita vissuta tra una mamma e la sua bimba? Sì, la poesia raccolta e nascosta nel vivere quotidiano? … Facciamo poesia quando creiamo, più o meno consapevolmente, attimi di silenzioso amore reciproco?)        

https://m.youtube.com/watch?v=zW2_PdTNTNM

image

Mio Signore, qui e ora ho finito il mio compito…

Standard

Mio Signore, qui e ora
ho finito il mio compito.
Ho dato tutto di me, tu sai
che non mi so risparmiare.
Sono stanca,
febbricitante,
felice,
leggera.
In Te mi sento
libera.
Mio Signore,
ora vado,
dove mi vorrai
io ci sarò.

E parto, capelli al vento, passo danzante, fiore tra le labbra e musica nel cuore…
Non ho niente, non mi avanza niente, lascio tutto a Te, tu sei il mio Re, mio Padre,
conosci bene la tua figlia ribelle, pagliaccia, girovaga e fanfarona,
sorridi amandomi,
Tu sai che mi seduci – e io mi sono lasciata sedurre,
sono la tua serva inutile,
e la tua figlia amata,
così canto leggera e mi abbandono
alla Tua vertigine dolce
Fonte della mia gioia di vivere… E ti amo,
Perchè so che tu
non mi prenderai mai
troppo sul serio!

http://m.youtube.com/watch?v=Cx_4C1cyUZA

20140604-165456-60896007.jpg