Archivi categoria: Mozart

Gli applausi inopportuni.

Standard

Sono cinque giorni che viviamo in attesa e preparazione della sera. Organizzazione e cena al sacco, è necessario arrivare non dopo le sei per potersi sedere di fronte al palco e aspettare tre ore e mezzo, perché i concerti iniziano alle ventuno e trenta.
E poi Torino. Piazza San Carlo accogliente ed elegante, le vie del centro affollate, i turisti che passano e si fermano, piacevolmente sorpresi. È il Festival dedicato alla musica di Mozart.
E Mozart è uno spiritello insolente e delicatissimo, beffardo e gentile. Ti provoca, ti mette al muro e non ti lascia scampo, ti ipnotizza e fa di te quello che vuole, e tu diventi morbido come una nuvola, e ti lasci sedurre.
In questi tempi dove sembra che non si possa comunicare né informare, né esprimersi “artisticamente” senza essere prepotenti e aggressivi, dove ti insegnano fin da bambini che la persona degna di ammirazione è colui o colei che sa imporsi non importa con quali mezzi, che si fa ricco di denaro e chiude gli occhi con indifferenza di fronte alla sofferenza dei piccoli, che sviluppa una noncuranza ai sentimenti, anzi, agli affetti, per seguire uno stile di vita freddo e privo di amore, che fa soffrire intimamente, che rende le persone depresse croniche, dipendenti da sonniferi e psicofarmaci già in giovanissima età, ma ti viene presentato come l’unico modo possibile di vivere, emozioni e voglie senza profondità né libertà di scelta…

La musica di Mozart ti seduce con la bellezza, con l’armonia. Ti suggerisce che un mondo armonioso, dolce, buono è possibile e soprattutto non è noioso, ma anzi, è infinito, destabilizzante, sorprendente, allegro. La pace è possibile, si basa sull’avere un tenero sguardo misericordioso sulle vicende umane. Si fonda laicamente sul voler essere insieme “tutti contenti”, e spiritualmente sul saper cogliere l’armonia infinita che percorre tutti i nostri attimi presenti, di cui siamo impastati, perché siamo creature fatte e volute per amore.
A volte, la musica di Mozart si vela di purissima malinconica nostalgia. Lui non la esprime con gli eccessi patetici o sconvolgenti della passione romantica, no, lui va all’essenziale, ad un discorso musicale fatto di note isolate, perse nell’atmosfera, talmente pure e scarne, altissime.
Mozart ha ricevuto in dono dal cielo la grazia di saper testimoniare per sempre, che quell’armonia essenziale, malinconica o gioiosa, è possibile.
È possibile! L’ha scritta un uomo, anzi, un giovane uomo dalla vita abbastanza pasticciata, al di là delle troppe leggende. È stato un uomo giovane, laico, semplice, a scrivere queste note che ci parlano di armonia gioiosa o della nostalgia della sua apparente assenza, e allora questo significa che questa armonia di pace è dentro tutti noi.
Io sono certa che Mozart non è quel genio assoluto (e dissoluto) unico e irripetibile, che tanti conoscono dalle leggende sul suo conto. Mozart semplicemente ha usato il suo talento, che era dire al mondo che essere felici è possibile, e la felicità si basa sulla gioia desiderata, voluta e scelta, sulla ricerca anche addolorata e spersa dell’armonia che regola ogni cosa umana, sul perdono benevolo, sulla voglia di giocare come i bambini, sulla pace frutto dello sguardo misericordioso reciproco (penso al finale delle Nozze di Figaro, solo per dare un esempio evidente).
Anch’io posso essere Mozart. Nella mia vita quotidiana. Mi basta non accontentarmi di niente di meno dell’armonia pura e altissima che dona senso e frutto alla vita quotidiana. E se non la riesco a cogliere, se vivo nel dolore e questa ricerca mi è proprio impossibile, almeno sentirne la nostalgia, la sete, ripetermela dentro, continuare a sentire e a credere che non solo esiste, ma è possibile.
Ad ognuno la scelta di scrivere la parola armonia con l’iniziale maiuscola o minuscola.

In piazza San Carlo, durante i concerti e le sinfonie, le persone non esperte dei riti e delle necessità d’ascolto della musica esprimono il loro entusiasmo anche in momenti poco adatti, per esempio con gli applausi tra un movimento e l’altro.
Lo so. La regola vorrebbe (e giustamente) che ci sia silenzio fino alla fine del concerto.
Ma quell’applauso spontaneo a me dice che qualcuno, anzi forse in tanti, in una sera qualsiasi d’estate, grazie all’ennesimo miracolo della musica di Mozart, hanno sentito dentro qualcosa smuoversi. Forse solo l’ammirazione o la commozione.
Io spero e prego che sia la nostalgia.
La nostalgia acuta, purissima e straziante di quell’armonia possibile, che improvvisamente, una sera d’estate qualsiasi, ti seduce, e ti fa mettere in viaggio per cercarla e per farla, tutto il resto della tua vita.

(Wolfgang Amadeus Mozart, concerto per pianoforte e orchestra k488, secondo movimento, adagio)
https://m.youtube.com/watch?v=mf711o8jAQA

20140723-113035-41435506.jpg

Annunci

Uno

Standard

Niente mi strapperà dalla bellezza
E la bellezza sei Tu
– e siamo noi, nel vento di temporale di ieri,
le nostre risate ad intrecciarsi e sciogliersi,
purissime.
L’armonia che ragiono come possibilità o sogno
è al contrario,
una Presenza
Viva,
Abisso
di Gioia.
L’attesa,
la musica.

(Wolfgang Amadeus Mozart, Sinfonia n.41 “Jupiter”, secondo movimento)
https://m.youtube.com/watch?v=prJ83R0Ev_8

20140721-134135-49295692.jpg

L’infinitamente lieve.

Standard

Di Claudio Abbado mi hanno sempre colpito i movimenti piccoli, leggerissimi, della bacchetta. L’infinitamente lieve, impercettibile… Che differenza con il viso fermo, autorevole, quasi severo… Nei movimenti delle sue mani la musica prendeva forma con una sobria essenzialità, ma nei movimenti più piccoli c’era una libertà così fine, elegante…

http://m.youtube.com/watch?v=5tcE0hM1Gtc

20140122-112326.jpg

Dell’Incapacità di essere infelice. Wolfgang Amadeus Mozart, Teutsche K605.

Standard

Stamattina ho incontrato il mio amico e fratello Mozart in una delle sue più divertenti interpretazioni. È accaduto quasi per caso, ascoltando un brano proposto da un’applicazione dedicata al calendario dell’Avvento, ogni giorno una proposta musicale in tema, ça va sans dire, del Natale che si avvicina. La Teusche K605, meglio conosciuta con il termine inglese, Three German Dances, le Tre Danze Tedesche.
Quando Mozart compone su commissione, o per l’imperatore, come Compositore di corte, oppure per pagare i debiti, per necessità, ha su di me una straordinaria forza emotiva, di partecipazione e commozione. Non so come dire, è come se sentissi nell’andare della sua musica, nonostante l’apparente obbedienza alle regole imposte dal committente o dalla situazione, una potentissima, travolgente forza ribelle, libera e alta sulle cose e le regole del mondo, che non si piega e non si addomestica, nonostante tutto. Ma in Mozart, grande precursore della non violenza e laico profeta della misericordia e della compassione, questa ribellione non avviene in modo pesante, appunto, violento: è una ribellione che non si oppone, bensì usa il linguaggio di chi vorrebbe imprigionarlo dentro limiti e regole definite, per rivoluzionarlo da dentro, e lo fa con una risata semplice, da bambino che si fa coinvolgere dal gioco, che sa già di avere vinto, proprio perché essendo bambino, lui sa ancora giocare, mentre i grandi non sanno più come si fa.
Questa ribellione lieta, leggera, è meravigliosa. La senti, ti provoca nelle note scivolose della Schlittenfahrt (La Corsa delle Slitte), la terza delle tre danze, la più bella, ti fa sorridere nel cuore, ti sveglia l’anima all’ottimismo, alla reale possibilità dell’uomo piccolo e umano di vivere ogni attimo della propria esistenza con quella sacra leggerezza che sconfigge ogni tentazione del male e dell’egoismo, che supera ogni possesso, ogni grigia regola di auto-affermazione ed egocentrismo. Non è la danza sfrenata, non è perdere il senno e slanciarsi un uno stordimento umiliante, no, è una vera e propria, semplice, luminosissima presa di posizione per la felicità. È un’armonia senza ricatti psicologici o morali, nè estremismi di sorta, è una consapevolezza del bene che io posso essere e fare strana, perchè non fa dichiarazioni o prediche, e non detta regole…
…Anche la fede. Anche la fede, vissuta con questa leggerezza, diventa un vivere “alto”, sempre in Cielo, nonostante dolori, delusioni e amarezze.
Sto parlando di incapacità di essere infelice. Capita. Non ci riesco, quando sprofondo sto un po’ a straziarmi, e poi è come una forza misteriosa che mi spinge su, presto, di nuovo a respirare, e volo via, e mi sento rinnovata.
Incapacità di essere infelice. È come se io avessi bisogno di insistere, aggrappata al mantello di un Padre talvolta distratto, finché non ci ascolta, e invece se passa una farfallina colorata divento entusiasta, ringrazio, saltello, danzo… E l’insistenza, la pazienza, la coerenza, la solidità, che sarebbero necessarie a detta di tanti, per riuscire a convincere, ad essere ascoltati… Povera me, svaniscono via come i brillini delle fate dei cartoni animati da bambini…
Padre mio, prendila come un’estrema prova di fede. Talmente sicura del tuo sguardo sulla mia testa riccia e ribelle e svolazzante…
Vi invito all’ascolto di questa semplicissima triade di danze per feste, soprattutto la Schlittenfahrt. Vi invito a mettervi alla prova, a lasciarvi andare non dico alla “felicità nonostante”, basta solo anche immaginare la possibilità di lasciarla entrare nelle nostre vite, e a commentare qui sul blog, dopo l’ascolto.
http://m.youtube.com/watch?v=Y5RcVoqCLls

L’immagine: Un Angelo invita i beati a danzare, nel Giudizio Universale di Beato Angelico.

20131209-143352.jpg