Archivio mensile:aprile 2015

Dalla mia pagina di vegan coach…

Standard

Credo negli esseri umani… –

C’è una canzone in questo periodo che dice: credo negli esseri umani che hanno il coraggio, di essere umani, e poi ancora: l’amore ha vinto, vince e vincerà… La sto ascoltando mentre scrivo questo post, e mi sta ispirando. Sì, mi piace nonostante tutto, continuare a credere negli esseri umani,c’è mi piace credere e sapere, per esperienza vissuta, che l’amore ha vinto, vince e vincerà. La semplicità di un pranzo da portarsi al lavoro, e la gentilezza del ritratto di famiglia disegnato da mia figlia, la dolcezza di una torta al cocco e fragole, la mia micina che vuole le coccole… E poi tanti amici e amiche con i quali sto per iniziare nuove avventure, sia nel lavoro che… sull’arca (questa è dedicata a chi sa!) e poi un weekend che mi sta aspettando, insieme ad amiche ed amici bellissimi. A volte, la vita ti coccola. E, imparando dalla mia micina Hermione, io… mi lascio coccolare!
Ricette:
Torta al cocco e fragole: ho preso spunto da una ricetta trovata su veganblog, ma cambiata 
per renderla più dietetica. È molto semplice, per misurare si usa una tazza e io metto metà farina di farro integrale e metà farina di avena, poi una tazza di farina di cocco, io poi metto mezza tazza scarsa di zucchero di canna e aggiungo succo d’agave a piacere piuttosto, se viene troppo liquida, aggiungo un poco di farina. Lievito bio, latte di mandorle qb per amalgamare il tutto. Metto nella tortiera e aggiungo le fragole. Nel mio forno a 180 cuoce in circa 25 minuti.
Pane nero ai semini fatto da me con Hummus dietetico e insalata valeriana: ho provato a fare il pane con il preparato dell’Ikea, non male, molto morbido. L’hummus dietetico è senza tahin, per il resto la ricetta è quella tradizionale, dando un occhio anche al contenuto di sale. Poi… insalata a volontà! Due fette di pane da 70 grammi in totale. Domani mi porterò al lavoro anche un po’ di frutta da condividere.

Pagina Facebook Mary Angel. Cucina Dietetica Vegana.

  

Annunci

Non era quello che volevo dire.

Standard

Nel correre questi anni

Qualche volta ti guardo allo specchio

Vorrei prendermi cura di te.

Vorrei vederti sotto le luci, splendente,

Come meriteresti, 

I capelli che volano, la pelle trasparente, gli occhi che si illuminano

E si chiudono umili nel canto.

So che hai paura che il teatro chiuda il portone prima del tuo arrivo,

Oppure temi di arrivare stanca e trafelata, all’ultimo momento,

Salire sul palcoscenico e tutti delusi e indifferenti,

Perché sei stanca, non hai fatto in tempo a truccarti, 

Le ferite della vita e i suoi brividi felici comunque ora incidono,

Non poco, disegnano.

E lo so che vorresti una voce amante che ti rassicuri: sei bellissima,

Ogni respiro di oggi è vita vissuta, vita che ti rende speciale, vita,

Vita e amore, tanto, tanto,

Da morirci intanto che corri

E non sai se arrivi in tempo,

A cantare a teatro.

(Messaggio strano del t9, invece di stanca, mi ha scritto: santa. Io l’ho corretto, non era quello

Che volevo dire, ma

La strada è stata scelta da tempo, 

Ed è tempo di ricordare i girasoli, di illuminare quello che è stato, ciò che hai visto e seminato, e i frutti che hai colto, e i sorrisi e le vittorie, e gli scarti, e le provvidenze, è quello che sarà, 

Perché ne hai ancora da correre, 

Amica mia.)