Incontro d’inverno.

Standard

Piccolo fratellino, sembravi rantolante, a pancia in su, incastrato in quel tappeto di gomma così scomodo e inadatto per voi creature, davanti al portone di casa.
Ti abbiamo visto tornando da scuola, e Susanna ha cominciato subito a piangere, aveva paura che tu fossi già in paradiso. Ma no, ti muovevi ancora, così ti ho preso e ti ho appoggiato delicatamente in un angolino riparato del cortiletto d’entrata, poi siamo corse a casa a prendere semini, acqua e bricioline di pane, e te le abbiamo portate. È bastato così poco per confortarti, piccolo fratellino piumato! Susanna ed io ti davamo le carezzine con un dito, per quanto eri piccolo, timorose di farti male. Tu assorbivi pappa, calduccio e coccole con la naturalezza semplice di voi creature del Signore, il tuo Grazie è incorporato al tuo esserci.
Non potevamo portarti dentro casa, abbiamo una gatta e non sarebbe stato sicuramente un bell’incontro per te. Per fortuna ti sei ripreso, dopo poco provavi già a svolazzare, chissà cosa ti era successo, perché eri finito incastrato in quello spesso tappeto, se fuggivi da un gatto, da un cane, se sei stato abbandonato, non sembri un passerotto comune, magari sei fuggito da chissà quale gabbia, oppure caduto per errore, comunque grazie di averci incontrato, piccolissima creatura del Signore.
E se il Signore ha tempo e voglia per rendere vivo e meravigliosamente bello un ciuffetto di piume fragile e delicato come te, non si prenderà cura di noi con amore infinito?

2015/01/img_2032.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...