Senza orme

Standard

Respiro, mentre l’onda gentile cancella le mie orme.
Ho camminato fino a qui, o no? Ho vissuto? In quest’attimo, sospesa,
Nulla ha valore di me. Mi ricordo? Qualcuno si ricorda?
Non c’è altro che il mio respiro, come un filo si srotola dalla mia
Bocca e dal mio naso, e forma una via
Strana, piena di strappi, esitazioni, inversioni a u, ritorni, partenze,
Mai una pausa.
Questo nulla sono io? E come puoi dire di amarmi, di prenderti cura di me,
Di ricordarti, di ricominciare…
Questo fiato che si stende e si trattiene, ti interessa? Davvero, vuoi vedere come va
A finire?
Qui mi correggi: come va a cominciare. Anzi, a ri-cominciare.
Ascolti persino le mie parole, le parole senza suono della donna che cammina senza orme.
È che la spiaggia che assorbe i miei passi
Sei tu.
E tu sei il cielo di cui è fatto il mio respiro. Tu il ricordo, e la dimenticanza.
Tu l’umiliazione di essere senza orme, tu l’incerto che non mi dice di domani,
Tu il come va a finire, anzi, come va a ricominciare.

Mi acquieto. La domanda più assurda, di fronte a te, è tremando nell’eco del vento:
Cosa sarà di me? Di noi?

Di me? Di noi?

Di me? Di noi?

Di me? Di noi?

20140611-191623-69383811.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...