L’infinitamente lieve.

Standard

Di Claudio Abbado mi hanno sempre colpito i movimenti piccoli, leggerissimi, della bacchetta. L’infinitamente lieve, impercettibile… Che differenza con il viso fermo, autorevole, quasi severo… Nei movimenti delle sue mani la musica prendeva forma con una sobria essenzialità, ma nei movimenti più piccoli c’era una libertà così fine, elegante…

http://m.youtube.com/watch?v=5tcE0hM1Gtc

20140122-112326.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...